lunedì 17 settembre 2007

N. 013405

Sabato e ancor di più domenica sono stato aggredito dalle donne. Ma la ferita é ancora aperta per poterne postare. E allora scrivo un post tecnico per riempire un vuoto. Oltre a scrivere e andare in bicicletta ho un pò di passioni che mi lacerano fin da ragazzino. E una di queste é guardare le fotografie vecchie, quelle dove i nostri nonni erano in maniche di camicia e fumavano le sigarette. Sono venuto in possesso di un archivio di più di duemila foto della seconda guerra mondiale. Foto di una bellezza rara. E da ieri mi lacrimano gli occhi e mi cola il naso da quanto son felice. Sono fotografie scattate dall’Army signal corps, l’equivalente Usa del genio militare: e...insomma...parto dalla prima che mi é capitata a tiro e che mi ha incuriosito per la stessa acconciatura che portano le donne. Poi col tempo ve le commento tutte e duemila, tranquilli. E’ la n.13405 (non chiedetemi perché, se sono solo duemila foto, questa passa i diecimila...che tanto non lo so).
La scenografia della foto é un edificio massiccio e affumicato, con le pareti spesse di file di pietra irregolari e maltate. Gli spigoli, tutti gli stipiti di porte e finestre, sono rinforzati da una coltrina di mattoni in serie di cinque, alternate a due e tre teste. I davanzali sono costruiti con mattoni inclinati e posti di taglio. Se uno me lo avesse fatto vedere, senza dirmi niente, avrei pensato che quello era un edificio vittoriano...ma siamo in Normandia. Il fotografo ha costruito la foto in modo splendido: si vedono due ali dell’edificio che si fondono in uno spigolo e lo spigolo spacca la scena in due metà perfette. Un’ala in ombra e una devastata dal sole. Ah, siamo in Normandia perché subito a fianco dello spigolo, dalla parte assolata dell’edificio, c’é una porta altissima che scompare oltre la foto. E’ una porta rinforzata da un trave d’acciaio provvisorio, che, se tanto mi da tanto, é stato posto lì con fini strutturali perché dal casino che c’é intorno si capisce che la guerra é arrivata anche qui, eccome. In Normandia, sulla spiaggia, han fatto un bordello senza precedenti, e mi sa che pure nell’entroterra qualcosa di quel bordello é arrivato. Comunque, siamo in Normandia perché appoggiato al muro, a fianco della porta alta alta, c’é un cartoncino puntato su una base di compensato con su scritto:

NORMANDY THEATER
World Premier Tonight
“Casanova Brown”
Starring
Gary Cooper and Teresa Wright

E poi, sotto, ci sono scritte un altro pò di cose...che, in pratica, la proiezione é offerta dai servizi di divisione e dal comitato per le attività di guerra e che ci saranno due spettacoli: uno alle 19.30 e l’altro alle 21.50. Sta cosa mi ha fatto un pò specie...non lo fanno un pò tardi il secondo spettacolo visto che é destinato a persone che la mattina successiva si devono alzar presto per andare in guerra? Ho verificato: Casanova Brown é un film del 1944 che in Italia é stato tradotto con “Le tre donne di Casanova” e parla di un professore universitario che si innamora di una sua studentessa...non male, eh? Non vi dico chi é Gary Cooper che se non lo sapete, tanto, non vi parlo più...ma di Teresa Wright vi dico che non era male e se non ci credete andate a vedervi quel gioiello di Notte senza fine di Raoul Walsh o anche L’ombra del dubbio di Hitchcock. Bon, torniamo a noi: in fila, davanti all’entrata ci sono otto soldati dell’esercito americano e quattro crocerossine. La testa di un nono soldato spunta da una finestra: fuma e ride come un pazzo, con il muso in ombra e una banda di luce che gli illumina la fronte; ha la faccia simpatica. Lui e una delle crocerossine sono gli unici che fissano l’obiettivo. Gli altri se ne stanno in ordine sparso e c’é un solo uomo coi baffi. E’ l’unico che é entrato, sta tutto rintanato nell’ombra per proteggersi dal sole. Ah, forse da uno stipite della porta spunta un naso che, altrimenti, non si capirebbe perché una delle crocerossine parli tutta gorgheggiante con una coltrina di mattoni. Rettifico: gli uomini sono dieci; 2 uomini e mezzo per ogni crocerossina. Dovrei dire ancora un sacco di cose, degli scarponi, delle acconciature, dell’uomo coi baffi che secondo me é il più bramato, di una delle donne che ha la gobba e porta appeso sulla schiena un elmetto come se fosse uno zainetto...ma poi il post diventa troppo lungo e non lo leggete. Vi dico solo questo. Sono tutti bellissimi. Lasciano senza parole. Sono belli come belle sono le persone che vivono epoche tragiche. L’estrema gioia e l’estremo dolore li illuminano da dentro. Noi invece siamo brutti. Ma brutti, brutti.

28 commenti:

vipera76 ha detto...

Che ti commento a fare? Scrivi post così intelligenti e simpatici!!!
Bacio:D

Cate ha detto...

Io sono bellissima.
Ma bella bella in modo assurdo.

Dove la trovi un'epoca più tragica di quella dei reality show?
:P

La Guressa ha detto...

avevano stile.
Noi siamo belle :-)

sagami ha detto...

ok, ora la voglio vedere.
non tenerti il bello solo per te!!!
s.

kabalino ha detto...

@vipera: see...va bhé. grazie cmq :)

@cate: cate io ci credo che tu sei assuradmente bella...ma devi capire il senso di quello che ho scritto. Tragedia ha canoni ben precisi, l'epoca dei reality show, al massimo, ricade nella pietas...tradotto: é pietosa.
Per la cronaca pure io mi ritengo abbacinantemente bello ...fuori, dentro, sopra e sotto, e se vedo un laghetto mi ci specchio dentro e cascandoci ci affogo. Ma questo é altro discorso...non dipende da noi ma dalla luce che sta intorno a noi. E comunque porterò sempre con me un paio di occhiali da saldatore per non bruciarmi le pupille (a causa della tua folgorante bellezza) nel caso ti incontri per la strada.

guressa: vedi su. E' una bellezza che non parla di canoni ma di luce. Si sa che le linee nel tempo si sono addolcite, siamo più alti e tutte quelle robe lì...ma non cascano dentro al mio discorso. Anche se siamo bellissimi e ci fanno una foto al buio che succede?

sagami: io la posterei pure...ma non é che mi fanno il cu*o a paiolo per questione di copyrights (come funziona sta roba)?

La Guressa ha detto...

s'era capito, s'era capito :-)
La bellezza c'é sempre cmq, dipende molto da come posizioni l'obbiettivo e qual'é il focus :-)

LB ha detto...

E che non sono tempi tragici questi? Siamo bellissimi!

kabalino ha detto...

@cate&guressa&lb: bhé allora noi bloggers belli dovremo fondare un gruppo di salvaguardia per difenderci dalla bruttezza...che per come la vedo io c'é. Dai, ammetto che forse ho un pò esagerato...perché, effettivamente, mentre scrivo mi sto pure guardando allo specchio...e a malincuore devo ammettere che la bellezza esiste (anche il vento é bello...e un pò di altre cose...dai, così siete contente) :-)

Amaracchia ha detto...

Io sono bellissima, c'è poco da fare.
Son tornata Kaba...son tornata...ti sarò mancata in quanto suprema imperatrice dell'universo.

kabalino ha detto...

Ah! bhé...se ti par modo...no, perché si prende su così senza dir nulla che magari uno si preoccupa pure...che ci manca poco che chiamo la guardia costiera pugliese, i forestali del gargano...sei andata a far visita ai confini dell'impero? ......Che se ti fan la domanda: "L'imperatrice ti par bella o brutta?" che rispondi? "Strabella per forza...é l'imperatrice, eh!"....non credevo, ma qua tra i bloggers pare che la bellezza si venda a quintali...minimo minimo si é bellissimi...ma capiamoci, bellissimi é proprio il gradino più basso. Che se sei un bloggers bellissimo, praticamente, sei 'na schifezza...io, per me, ho deciso che sono fottu*amente bello...cioé, tipo un bello che non deve chiedere mai.

Amaracchia ha detto...

Kabalaus, ma "fottu*amente bello" non fà molto Costantino e Daniele Interrante? Vogliamo la verità: fai il testimonial di maglie sintetiche iperstretch? No, cioè, dimmi se è il caso di preoccuparmi...

kabalino ha detto...

Amaracchia non farmi bestemmiare che io sono un ragazzo timorato. Che é sto iperstretch? Roba che fa sudare? Ma sto cos*antino e sto in*errante (censuro le brutte parole...) son quelli che massaggiavano i piedi a lele mora?
Ma ohhh!?!? Ti droghi???
Accosti il mio nick a quei due cosi lì???

Amaracchia ha detto...

Già ti vedevo nel film dell'anno: Fo**u*amente belli, un film con Kabalino Seminterrato.

ospitate dalla de filippide e dalla clerici ad abbracciare fans estatiche che ti piombano a caterva a commentare il blog.

Ma non è che l'hai già fatta questa ospitata?:oP

kabalino ha detto...

Sì, va bhé...stasera vuoi far rissa. Cerchi lo scontro? Facciamo muso contro muso? Ma seminterrato vuol dire che mi rimane fuori solo la testa? O i piedi? Io sono una persona schiva e quelle persone orrende che nomini tu non le frequento. Oh! ma solo a pensarci!
C'ho la mia bellezza che mi contemplo solo io, perché chi non c'é abituato si brucia le pupille...e ci mancherebbe solo questo. oh! Allora facciamo così....anziché fo**u*amente bello sono bello da bruciare le pupille, contenta?

Amaracchia ha detto...

Seminterrato indica che è fuori dal terreno la parte che brucia di più le pupille.

Considerando che hai dichiarato il tuo status da ex cestita dubito che, pur con la mia considerevole altezza, io possa batterti a muso contro muso .
Ragione per cui patteggio, cambiando le offese di prima, con un già citato e sempre nei nostri cuori, DEREK ZOOLANDER.
Sai fare la Magnum?
o_O

kabalino ha detto...

Allora sta fuori la testa perché i piedi bruciano l'olfatto più che la vista. Non raggiungo il metro e novanta e ora come ora sono poco più di ottanta chili a forza di bici. Te la potresti giocare...Quelle due schifezze di C*******o e I******o non son degne manco di baciare la pianta del piede di DEREK ZOOLANDER (e pure di Owen Wilson)...che io sarei onorato di saper fare una Magnum anche imperfetta.

Amaracchia ha detto...

Io non raggiungo nè il metro e novanta, nè gli ottanta chili, ma mi alleno per la magnum da anni e ho una Blue steel che ammalia.
Faremo una sfida di sfilata in un blog neutrale....e il vincitore aprirà un centro per piccoli blogger AMARACCHIA ZOOLANDER o KABALINO ZOOLANDER, a misura di formica ovviamente perchè per ora non abbiamo ancora i fondi...

kabalino ha detto...

Accetto! Che non si dica in giro che sono un codardo! Se hai già perfezionato una blue steel ammaliante sei anni luce avanti...ma d'altronde parlo con l'Imperatrice dell'universo mica con l'in*errato di turno. Metterò a punto una Magnum leggendaria che la si racconterà per via orale di generazione in generazione...e i nonni la racconteranno ai nipoti e via discorrendo....e poi vedremo chi dominerà l'Universo!!! Ah! Ah! Ah!

Amaracchia ha detto...

No no, l'universo rimarrà mio. Al massimo ti concedo di sterminare qualche blogger a tua scelta, una sorta di ministero della giustiza privata e sommaria, e viaggerai solo in bicicletta governativa senza Rutelli, vestito da Rosy Bindi.
perchè io son convinta che lo stile cattolico-castigato ti potrebbe stare bene.

kabalino ha detto...

un ciclo-catto blogger sterminatore con la bombetta e il bastone.....mmmhhh.....mica male.....un pò house, un pò rosybindi. Impongo la bibbia alta sulla mia testa perché si spaventino e si redimano...madonna se mi sto abituando all'idea...e poi li finisco a colpi di bastone...ora vado a nanna e ci penso su...ma la risposta é quasi sì. Ministro della giustizia privata cattoimperiale...che figa*a!

Alabama ha detto...

Io arrivo qui da LB.
E ti ho linkato, mi piace come scrivi. Pero' PARDON, non me ne vorrai se ho saltato a pie' pari la descrizione del sicuramente meraviglioso muro ritratto nella foto. Sulla fiducia.
^____^
con il finale sono d'accordo.
Siamo brutti.
E i miei bellissimi nonni mi mancano.

kabalino ha detto...

Tutti quelli che arrivano qui da LB sono i benarrivati. In realtà tutti quelli che vengono qui da qualunque post(o) sono i benarrivati. Ma se vieni da LB hai delle ottime referenze. E ti ho linkato pure io. E caso vuole che sei la prima della lista che se uno viene qui e butta un'occhiata alla lista ti vede subito e magari ti clicca (son fortune, eh). E poi ho visto che sei in giappone ed é sempre meglio avere un messaggero nel futuro che non averlo. Sai che su sta cosa del brutto un pò mi son riveduto...sembra che un bel pò di bloggers siano belli belli in modo assurdo, e mi sa che lo sono anch'io...e cmq i nostri nonni erano uno spettacolo.

Alabama ha detto...

Ma che fai ci ripensi?? Mica si può!!

Grazie per il link ^^ la faccenda che sono la prima lassù non è male...

^___^

Baol ha detto...

Concordo con Vipera76, bellissima descrizione...certo questo post poi viene rovinato dai commenti...ma nessuno è perfetto :D


le altre 8.000 foto sono state fatte sparire dalla C.I.A. ed anche tu stai per fare quella fine perchè il tizio con i baffi era una spia :D

e ti aggiungo che io sono talmente bello che i girasoli si giravo verso di me, fanno un "Oooooh" di approvazione e poi appassiscono perchè non possono reggere il confronto.



E mi riferivo ai "Girasoli" di Van Gogh!

kabalino ha detto...

@alabama: eh,...ma alabama io sono una persona incerta e sono vittima del vento e perciò non é proprio colato nell'oro quello che dico...
(se poi ti mettevi il nick aalabama eri certa che nessuno ti avrebbe scalzato dalla brima posizione...a meno che uno non si incaponisse e si mettesse il nick aabramo, ma saremmo alla paranoia)

kabalino ha detto...

@baol: ma é strano perché io faccio filtrare solo i commenti dei bloggers quelli belli belli ma in un modo assurdo...e quindi non capisco come i commenti di gente così bella possa rovinare il post...baol mi sa che hai ragione, mi sa che l'uomo coi baffi é l'equivalente dell'uomo che fuma in x-file. Anche perché se ne sta lì cacchio cacchio nell'ombra... boh. E poi dicono che non si trova energia pulita...ma la bellezza dei bloggers dove la mettono? che qua si bruciano pipille e si seccano girasoli famosi che é un piacere.

Amaracchia ha detto...

Baol, che ci vuoi fare..ognuno ha i commenti che si merita.
Qui, come correttamente anticipato da kabalaus, solo belli belli in modo assurdo.Non essere geloso.

kabalino ha detto...

parole sante, parole sante...